Home > Poesie > Nikolaus Lenau

Nikolaus Lenau

I

Vedi il sol che là scompare
mentre stanco il giorno posa,
e sé i salci abbandonare
tutti all’onda silenziosa?

Sfuggir devo l’amor mio.
Sgorga, o lacrima, dal ciglio.
Vien dai salci un mormorio,
fra le canne va un bisbiglio.

Nei miei cheti, grandi mali,
tu, o lontana, irraggia lene,
chiara qual fra giunchi e salici
nella sera irraggia Venere.

II

È lo stagno senza un brivido

e la pia luna vi posa
intrecciando ai serti viridi
delle canne smorte rose.

Su quei colli cervi stanno
nella notte alto a guardare,
come in sogno tra le canne
s’alza a volte frusciar d’ali.

L’occhio mio di pianto è grave
e del cor nel piú segreto
va un pensier di te, soave
come a notte prece cheta.

Categorie:Poesie
  1. Al momento, non c'è nessun commento.
  1. No trackbacks yet.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: