Home > Libri > Estratto da “Evgenij Onegin”

Estratto da “Evgenij Onegin”

“… Gli anni mi inclinano alla prosa severa, gli anni cacciano la rima birichina, e io – lo riconosco con un sospiro – la corteggio più pigramente.

La penna ha perso l’antica voglia di imbrattare i fogli volanti; altre fantasie, fredde, altre preoccupazioni, severe, nel brusio del mondo e nella quiete agitano il sogno della mia anima

Ho conosciuto la voce di altri desideri, ho conosciuto una nuova tristezza; per i primi non ho speranze, della vecchia tristezza ho rimpianto…

Lascia che mi volti indietro.

Addio, ripari ove trascorsero appartati i miei giorni colmi di passioni, di pigrizia, e dei sogni di un’anima pensierosa.

E tu,giovane Musa, vieni a ispirare la mia immaginazione a ravvivare la sonnolenza del cuore, vola più spesso nel mio angolo, fa che l’anima di un poeta non si intirizzisca, non si inasprisca, non si indurisca, e non si faccia infine di pietra nell’esaltazione mortifera del bel mondo, in questo pantano dove insieme a voi mi immergo, o cari amici”

 

Categorie:Libri
  1. Al momento, non c'è nessun commento.
  1. No trackbacks yet.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: