Home > Libri > Estratto da “Lettere d’amore” Michelet – Mialaret

Estratto da “Lettere d’amore” Michelet – Mialaret

“La fusione di una volontà in una sola è un arte, la più grande delle arti, la più sconosciuta…

..il Medio Evo ha cercato una soluzione tra i due estremi: ha cercato con passione, più ancora che con amore, e ha trovato e messo in opera dei mezzi molto efficaci, ma troppo spesso affidati alla sorpresa e all’astuzia.

Così, ha raggirato l’oggetto amato cioè l’anima, l’ha sorpresa nel sonno e legata mentre dormiva, oppure l’ha addormentata per avvincerla.

Ciò non è leale.

Chi ama veramente affida la fusione della volontà solo alla stessa volontà, alla libertà.

Agisce sotto il sole, in piena luce.

Ciò che desidera è, appunto, d’esser visto ben a fondo e pienamente decifrato.

Ciò che teme, è di non esser visto in profondità.

Che cosa infatti, deve vedere in lui, l’anima a cui si rivolge?

Appunto null’altro che se stessa, e l’abisso d’amore che ha portato alla luce.

È quell’insondabile abisso che lui vorrebbe che quell’anima potesse sondare, e il suo tormento è di non aver mai, per questo, tempo e luce sufficienti. “

Categorie:Libri
  1. Al momento, non c'è nessun commento.
  1. No trackbacks yet.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: