Home > Libri > Estratto da “La confessione di un figlio del secolo”

Estratto da “La confessione di un figlio del secolo”

“È comune ai dissoluti una specie di inerzia stagnante, colorita di un’amara gioia.

È la conseguenza di una vita di capriccio, dove niente si regola sui bisogni del corpo, ma sui capricci dello spirito, e in cui l’uno deve essere sempre pronto a ubbidire all’altro.

La gioventù e la volontà possono ubbidire agli eccessi; ma la natura si vendica in silenzio, e il giorno in cui decide di riprendere la sua forza, la volontà muore per aspettarla e abusarne di nuovo.

Trovando, allora, intorno a sé tutti gli oggetti che il giorno prima lo tentavano, l’uomo, che non ha più la forza di impadronirsene, non può rendere a ciò che lo circonda se non il sorriso di disgusto.

Aggiungete che quegli stessi oggetti  che ieri eccitavano il suo desiderio, non sono mai avvicinati a sangue freddo.

Il dissoluto si impadronisce con violenza di tutto ciò che ama: la sua vita è una febbre, i suoi organi, per trovare il piacere, sono obbligati a tenersi all’altezza con i liquori fermentati, con le cortigiane e le notti senza sonno; nei suoi giorni di noia e di accidia lui sente, quindi, ben più degli altri la distanza fra la sua impotenza e le tentazioni, e per resistere a queste, bisogna che l’orgoglio venga in suo soccorso e gli faccia credere che lui le sdegna.

Cosi avviene che sputi incessantemente su tutti i festini della sua vita, e che, fra una sete ardente e una profonda sazietà, la vanità lo conduca alla morte.”

Categorie:Libri
  1. 30/04/2019 alle 11:16 AM

    Insomma, a Napoli si direbbe “si deve far scemo da solo” 😁 cioè, deve illudersi, illudersi e autoingannarsi di aver smesso di desiderare cose a cui, ora, non può più ambire.

    • 30/04/2019 alle 11:45 AM

      Direi di si 😁 bella sintesi 😁
      Alla fine è un esempio, abilmente ricamato, di dissonanza cognitiva un cento anni prima che nascesse la teoria 😅

      • 30/04/2019 alle 11:54 AM

        Cento anni prima! Pochini pochini 😆

      • 30/04/2019 alle 12:08 PM

        😁

  2. 08/05/2019 alle 11:31 AM

    “Il dissoluto si impadronisce con violenza di tutto ciò che ama: la sua vita è una febbre, i suoi organi, per trovare il piacere, sono obbligati a tenersi all’altezza con i liquori fermentati, con le cortigiane e le notti senza sonno; nei suoi giorni di noia e di accidia lui sente, quindi, ben più degli altri la distanza fra la sua impotenza e le tentazioni, e per resistere a queste, bisogna che l’orgoglio venga in suo soccorso e gli faccia credere che lui le sdegna.”

    Da incorniciare

  1. No trackbacks yet.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: