Home > Libri > Estratto da “Gli ultimi giorni dell’umanità” Krauss

Estratto da “Gli ultimi giorni dell’umanità” Krauss

L’ultima notte

Campo di battaglia. Crateri di bombe. Nuvole di fumo. Notte senza stelle. L’orizzonte è in fiamme. Cadaveri. Soldati morenti. Compaiono donne e uomini con maschere antigas

UN SOLDATO MORENTE (grida)

Oh capitano convoca la corte!

Non sarà per il Kaiser la mia morte!

Tu del Kaiser non sei che lo scherano

Da morto, più non saluto, capitano!

Quando sarò vicino al mio signore

sotto di me avrò l’imperatore,

e me ne riderò del suo comando!

Dov’è il paese? Là mio figlio sta giocando

Quando nel mio signore mi addormento

l’ultima posta avran del reggimento

E chiamava, chiamava senza fine!

Oh il mio amore, che non ha confine!

Capitano, sei forse impazzito

tu che in questo posto mi hai spedito

Dentro il fuoco mi s’è bruciato il cuore

Non muoio, no, per patria e imperatore

No, non mi mettere la cavezza!

Ecco, la morte io miei legami spezza!

E allora processate lei, la morte!

Io muoio, sì, ma non per la Corte!

MASCHERA ANTIGAS FEMMINILE (si avvicina)

Scorgo un uomo caduto per divino volere

Qui anche noi abbiam da compiere il nostro dovere

Questi son tempi cupi, di svaghi non è l’ora

L’abito non fa il monaco, ma nemmeno la suora

Fango dolore e morte non fa più differenza:

se non c’è il sesso, onore all’intera discendenza

MASCHERA ANTIGAS MASCHILE (le si mette di fronte)

Alla sembianza mia la tua fosse abituata!

Io non so chi tu sia o maschera aggraziata!

Giunti al colmo d’orrore, adempiendo il dovere,

non ci è dato conoscerci e nemmeno vedere

Sol la lotta, la Causa è per noi quel che vale

e Vendetta c’incalza col suo gas micidiale

Sono i fuochi dal cielo nel sangue temprati

E a questa Quadriglia noi andiam mascherati

Fuoco tambureggiante in lontananza

MASCHERA ANTIGAS FEMMINILE

Il volto e il sesso ci vieta il dovere

Ci è negato il diritto sesso e volto d’avere

Trascorsa la vita tra cadaveri e larve

d’arpe e corni un concerto questa notte m’apparve

LE DUE MASCHERE (sottobraccio)

Non abbiam diritto ad un sesso, ad un volto

il nostro dovere volto e sesso ci ha tolto

Le due maschere svaniscono

Categorie:Libri
  1. 10/08/2020 alle 9:22 PM

    Sembra fatto per una scena a teatro! Forse lo è davvero?
    Impressionante e triste come poi termina, ma non poteva andare diversamente… però all’inizio sembrava quasi l’Apocalisse 😆 poi, ha preso un’altra strada

    • 11/08/2020 alle 7:59 AM

      Più o meno 🙃
      Il libro è tutto fatto a scene, verso la fine poi diventa in rima, ma è solo una parte 🙃
      È fatto a mo’ di teatro; Il sottotitolo infatti è “tragedia in cinque atti con preludio ed epilogo ”
      Essendo improntato sulla prima guerra mondiale è tendenzialmente tragico
      Può esultare ripetitivo, e i continui cambi di personaggi e scene non agevolano la continuità, ma resta un buon libro 😊

      • 11/08/2020 alle 1:43 PM

        Ho capito 🙌 grazie per la spieganzioncina 🙏

      • 11/08/2020 alle 3:33 PM

        Figurati 😊

  1. No trackbacks yet.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: